Karl Ove Knausgård, Glemmingebro, Svezia (Matteo Pericoli)

La diga di Roccamera

  Pubblichiamo la prefazione di Goffredo Fofi a La diga di Roccamena di Lorenzo Barbera, appena ristampato dalla casa editrice I Quaderni del Battello Ebbro. Ringraziamo l’autore e l’editore per averci permesso di riproporla. Nel 1964 uscirono due inchieste notevoli, questa di Lorenzo Barbera su La diga di Roccamena nella collana dei Libri del tempo di Laterza – che aveva pubblicato negli anni precedenti le inchieste di Tommaso Fiore, Rocco Scotellaro (Contadini del Sud, 1954), Bianciardi e Cassola (Minatori di Maremma, 1956), Edio Vallini – e la mia su L’immigrazione meridionale a Torino (Feltrinelli), che avrebbe dovuto uscire presso Einaudi due anni prima ma fu rifiutata dall’editore per motivi più politici che scientifici.…
Leggi tutto →
addio-allo-scrittore-ermanno-rea-narratore-di-napoli-tra-rabbia

La fabbrica e il vicolo

  Ermanno Rea, che nei suoi romanzi ha narrato e indagato Napoli, l’Italia e i suoi meandri, è morto martedì scorso, all’età di 89 anni. Sul n. 28 de “Lo straniero” (ottobre 2002) Alessandro Leogrande gli fece una lunga intervista sul suo romanzo La dismissione, uscito qualche mese prima.…
Leggi tutto →
Edwidge Danticat, Miami, Florida, Usa (Matteo Pericoli)

Michel de Certeau a confronto con Pierre Bourdieu

    I nomi di Michel de Certeau e di Pierre Bourdieu sono stati recentemente uniti dalla pubblicazione in Francia di loro opere postume. In entrambi i casi si è trattato di lavori rimasti ampiamente incompiuti per il concludersi rapido delle loro vite (rispettivamente nel 1986 e nel 2002), sebbene fossero stati già da tempo progettati e messi in cantiere a completamento di ricerche storiche e sociali lungamente e genialmente perseguite.…
Leggi tutto →
Walter Chendi

A proposito di Heimat

  Quando parlo di Heimat (paese, luogo, terra natale), sento immediatamente una sorta di disagio, pur dovendo ammettere che altri mi inquietano di più, come per esempio la domanda per quanto ancora sarà vivibile il nostro pianeta. Prima di arrivare a pensare alla Heimat, mi vengono alla mente cose e pensieri collegati alla curiosità, alla nostalgia e alla solitudine: l’amore, la morte e ogni sorta di perché.…
Leggi tutto →
082138510-677d6e13-0d0d-41ce-84af-4eef6669a478

I nodi della politica. In Puglia, in Italia, altrove

  Guglielmo Minervini ci ha lasciato il 2 agosto scorso. Allievo di don Tonino Bello e animatore della casa editrice La Meridiana, Guglielmo è stato sindaco di Molfetta dal 1994 al 2000, mentre dal 2005 al 2015 ha ricoperto, all’interno delle giunte della Regione Puglia guidate da Nichi Vendola, l’incarico di assessore  alle infrastrutture e poi alle politiche giovanili e alla legalità.…
Leggi tutto →
Walter Chendi

La schiena della città

  Ci sono due modi per arrivare a Trieste, la naturalezza della pianura o l’impegno della salita ripagato poi col piacere della discesa. Nel primo caso s’imbocca la via della “costiera”, la strada che nell’ottobre del 1954 offrì l’entrata agli automezzi americani venuti per riconsegnare Trieste all’Italia.…
Leggi tutto →
Elsa-Morante

Elsa Morante e il ’68

Il 18 agosto del 1912 nasceva a Roma Elsa Morante. La ricordiamo con questo articolo di Vittorio Giacopini, apparso sul n. 148 della rivista (ottobre 2012). “È un manifesto”. Più nel senso di un grande poster, di uno striscione colorato, di un tazebao cinese o psichedelico, che non come scritto dottrinario, declamante.…
Leggi tutto →