Andrea Toma

G. Scarabottolo

Cultura: una deriva debordante

  La sensazione è che tutto sia diventato cultura.
Il mito della valorizzazione del patrimonio culturale, in Italia, e la sua “torsione” in termini produttivi ed economici sembra abbia fatto breccia. In tempi di magra (domanda calante, deflazione, ridimensionamento delle imprese, ristrutturazione del settore industriale e manifatturiero) si è cercato di raschiare il fondo del barile alla ricerca spasmodica di spazi da mettere a valore e di ottenere un ritorno economico da tutti i patrimoni inerti di cui disponiamo.…
Leggi tutto →
Ahmed Ben Nessib

Il lavoro che non c’è (e che non ci sarà più)   

  È inutile nasconderlo, non torneremo più alla situazione pre-crisi, né per quanto riguarda l’occupazione, né sul piano delle opportunità di crescita e di nuovo sviluppo. Facendo una proiezione per i prossimi anni, basandoci su ciò che sta accadendo in questa tornata d’anno, le ipotesi più probabili sembrano indirizzarci verso un periodo prolungato di crescita del pil intorno allo zero, una stagnazione che certo non porterà la disoccupazione sotto la soglia del 10% (che riguarderà comunque oltre 2 milioni e mezzo di persone), né farà scendere la disoccupazione giovanile molto sotto il 40% (significa, con le condizioni attuali, oltre 600mila giovani nella fascia d’età compresa fra i 15 e i 24 anni ai quali si aggiungono oltre 900 mila persone con un’età compresa fra i 24 e i 35 anni).…
Leggi tutto →