Giorgio Agamben

Mara Cerri

Bene e male. Su ciò che resta

      Una pagina dei taccuini di Chiaromonte contiene una straordinaria meditazione su che cosa rimane di una vita. Non che cosa abbiamo o non abbiamo avuto è, per lui, il problema essenziale – la domanda vera è, piuttosto, “che cosa rimane?”, “che cosa rimane del seguito di giorni e d’anni vissuto come si poteva, e cioè secondo una necessità di cui neppure ora riusciamo a decifrare la legge, ma insieme come capitava, e cioè a caso”?…
Leggi tutto →