Fair play: onde

Y. Muñoz

Y. Muñoz

 

(traduzione di Matteo Campagnoli)

Don Paterson (Dundee, 1963), poeta e musicista scozzese, vincitore di numerosi premi dal 1990 in avanti, cura i libri di poesia delle edizioni Picador e insegna letteratura inglese nell’università di St. Andrews, in Scozia. Apprezzato chitarrista jazz, conduce da anni il gruppo di jazz-folk Lammas insieme al sassofonista Tim Garland. Tra le sue raccolte di versi: Nil Nil (1993), The Eyes (1999, “alla maniera di Machado”), Orpheus (2006, “alla maniera di Rilke”), Rain (2009) e altre.

 

      Onda
Avevo percorso il mare aperto già da mesi
come una ruota sotto la sua pelle, materia
senza attrito e quasi tutta astratta ormai,
con niente in testa tranne l’estasi festosa
del mio frangermi, come al lungo bassofondo
avrei sussurrato la mia piena confessione
per poi filtrare nella sabbia e uscirne pura.
Impossibile capirlo in quella piana spoglia
ma sentivo la mia forza scemare con le miglia
e quando avvistai le prime vele sparse,
il lido e i bambini che giocavano sul molo
non ero che la piega di una gonna in quell’azzurrità
e sapevo di essere già assolta.
Colpii la spiaggia e spazzai via la città.

      Al consiglio comunale di Dundee
Fair play. Di qui solo i tossici ci passano,
sarebbe scorretto quindi fingermi scosso
da quest’ultima goccia: la scalinata baronale
in pezzi che vi è costato meno recintare,
aggiungendo così venti minuti al mio tragitto
tra tangenziale, sottopasso degli stupri e case sfitte
verso la biblioteca dove i poveri semmai
vanno a morire o scaricano i porno dal wi-fi.
La mia vile vanità? Pensavo che, per una volta,
avreste potuto personalizzare il vostro insulto.
Sappiate almeno che me ne vado, di nuovo,
con la coda tra le gambe e faccio vela
per quel bel posto chiamato fuori dalle palle.
Addio! E in bocca al lupo col Victoria and Albert.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Nessun commento a questo articolo.

Lascia un commento