Archivio | Ragionamenti

Alessandra De Cristofaro

Tolstoj e l’anarchismo in Europa

Nel 1925 Armando Borghi e Virgilia D’Andrea furono ospiti ad Amsterdam di Barthélémy De Ligt, che Borghi nelle sue memorie definisce “ex pastore protestante passato all’anarchismo”1. Dopo aver ricordato con gratitudine il “trattamento fraterno” di quella ospitalità, Borghi scrive: L’anarchismo olandese era qualcosa di simile all’Esercito della Salvezza.…
Leggi tutto →
Alessandra De Cristofaro

Sulla poesia di Patrizia Cavalli

La poesia di Patrizia Cavalli, dietro una forma apparentemente quotidiana e autobiografica, mostra in realtà una forte tensione speculativa, cui va riconosciuta un’aspirazione genuinamente filosofica. Oggetto di questa poesia non è, come potrebbe sembrare a un primo sguardo, semplicemente il lieto rinnovarsi dello scialo quotidiano, scandito dagli amori e dal sonno; al centro di essa, piuttosto, è un esperimento conoscitivo di straordinaria portata, che realizza la felice interruzione di ogni durata quotidiana.…
Leggi tutto →
copertina salvemini

La lezione di Gaetano Salvemini

  Pubblichiamo la prefazione di Alessandro Leogrande al volume edito da Cacucci e curato da Cesare Preti, Gaetano Salvemini e Giuseppe Patrono – Lettere 1948-1955. Ringraziamo il curatore e l’editore per aver concesso la riproduzione.   Un vecchio carteggio che emerge dalle carte di un archivio, e che per lungo tempo ha fatto compagnia ad altre carte sepolte dalle epoche e dal tempo, è spesso una miniera.…
Leggi tutto →
Armin Greder

Il cristianesimo nell’era della globalizzazione

incontro con Stefano Bellanda e Vittorio Berti Ricordiamo René Girard (25 dicembre 1923 – 4 novembre 2015) con questa intervista pubblicata nel gennaio del 2002 sul numero 19 di “Lo straniero”. L’intervista fu realizzata a Padova nel maggio del 2001 in occasione del conferimento a Girard della laurea honoris causa in Lettere e Filosofia.
Leggi tutto →
Elisa Mearelli

L’umano compiuto secondo Pier Cesare Bori

Sed nec desperes de solutione non invenienda. (Pietro Cantore)   I. Nei giorni della scomparsa di Pier Cesare Bori sono stati pubblicati due suoi libri, costruiti con slancio e fatica nell’anno della malattia. Due libri tanto diversi nei contenuti, l’uno teorico l’altro autobiografico, quanto inconfondibilmente suoi nella forma essenziale e nello spirito: un’antologia di testi di tradizione cristiana selezionati intorno al tema biblico dell’uomo creato a immagine di Dio, introdotta con uno scambio epistolare tra l’autore e due allievi cinesi ai quali è spiegata un’antropologia religiosa così diversa dalla loro1; e un racconto della sua vita ripercorsa non tanto di per sé, quanto come “punto di partenza di un insieme di relazioni” con i molti che hanno intersecato la sua umana avventura2.…
Leggi tutto →

Beni comuni e federalismo urbanistico

In un contesto politico e istituzionale segnato dalla crisi del neoliberismo, esacerbata dagli effetti distruttivi a scala globale provocati dalla deriva finanziaria del capitalismo, la critica dell’ideologia proprietaria e l’invito a riconsiderare le categorie giuridiche di proprietà collettiva, proprietà privata e interesse pubblico, unitamente alla nozione di “bene comune”, da parte di due esperti di scienza del diritto – Paolo Maddalena e Ugo Mattei – nei loro testi più recenti, aiutano a riflettere sulla causa principale comune sia alla crisi ambientale sia a quella finanziaria.…
Leggi tutto →

Anarchismo e socialismo in Gustav Landauer

“Io vivo una sola volta, ho un’unica possibilità di agire sul mondo in base alla mia volontà, e ben presto morirò. Perché non dovrei impegnare tutto me stesso per la liberazione dell’umanità?”:1 sono queste le parole che ben rappresentano la pertinacia di Gustav Landauer (1870-1919), una delle figure più lucide e originali dell’anarchismo tedesco tra Otto e Novecento, che, coi suoi numerosi scritti e le ben ponderate azioni, arrivò a esercitare la propria influenza oltre il modesto movimento libertario e a stringere legami con diversi settori del socialismo rivoluzionario.…
Leggi tutto →
LOGO

Buoni propositi

Benché minoritaria, anche per nostra scelta, l’esperienza di “Lo straniero” è servita e serve a tenere viva l’informazione e la discussione sui guai del pianeta e a contribuire alla formazione di giovani particolarmente attivi nello studio e nelle arti, spesso coinvolti in esperienze pratiche e continuate nel campo dell’intervento sociale.…
Leggi tutto →